Dubai-cop-ombra-owt4rtllm0swwbqsz9x7o4iy8zgjwy7tpviltcbbpc

Perché ho chiamato il mio libro “Dubai The Big Fake”

Se leggiamo di Dubai, tutti pensiamo a gli arabi e ai soldi, al lusso, alle auto di lusso, al divertimento, alle grandi possibilità di lavoro, ad una vita piena di sicurezze e grandezze. Purtroppo non è cosi, Dubai, nasconde bene le proprie difficoltà ed insicurezze di un paese dove tutto può fermarsi e anche crollare. Osservando Dubai nella direzione delle multinazionali, delle grandi aziende a partecipazione governativa, quello che vediamo è ricchezza è prosperità, ma internamente per chi ci lavora sia come dipendente che come fornitore è un inferno. Grosse realtà di costruzioni Emirate, di cui nn serve fare il nome, grazie all’influenza governativa ed alle proprie risorse, fanno si che i loro fornitori “ contractor, si impegnino al limite del rispetto dei diritti umani ed esercitando la stessa spregiudicatezza con i subcontractor o fornitori italiani, cioè aziende di artigiani Italiani e non. Di vero prodotto fatto in Italia, quindi made in Italy, c’è veramente poco negli Emirati, soprattutto nelle strutture ricettive. Noi siamo diventati esportatori piu di idee, modelli e mode, ma i nostri prodotti, faticano molto a causa soprattutto del sistema del lavoro in Italia che non permette di difenderci all’estero. Molti mockup vengono fatti in italia per poi far copiare e produrre fuori la commessa.

Molti chiedono quanto è uno stipendio in media a Dubai ?? il salario per un europeo che svolge un lavoro da ufficio, tassista, cameriere qualificato, seller etc va da un minimo di 1200 euro a € 3000,00. Ma aspettate a leggere quanto costa vivere a Dubai. La vita per chi si trasferisce a vivere a Dubai è molto complicata, se si vuole vivere con un minimo di qualità della vita. Al contrario di quanto si sappia che a Dubai non ci sono tasse, la vità è carissima soprattutto per servizi offerti, ma questi vengono erogati da una forza lavoro Indiana, Filippina in maggioranza che vive in un sistema di schiavitù e spesso ai limiti della decenza e dell’umanità.

Per i lavoratori non operai e non badanti, quello che guadagni a Dubai ti necessita a malapena per poterci vivere. Alcuni esempi: ogni anno bisogna rinnovare il visto ed il suo costo va dai € 1500 a 2500, bisogna avere un assicurazione sanitaria € 700 a 2500, l’affitto dell’appartamento studio o stanza siamo sui €15/20.000 anno piu spese elettriche molto alte, internet circa 1100 euro anno e quelle straordinarie come la manutenzione dell’aria condizionata circa 500 euro anno, spostarsi con un auto o i mezzi pubblici costa circa dai 2000 ai 5000 euro anno, il cibo con preparazione in casa siamo sui € 4500 ai 7000 euro anno se poi aggiungiamo una pizza al fine settimana fuori altri 1500/2000 euro anno.

A tutto questo non dobbiamo aggiungere imprevisti che richiedano assistenza e manutenzione sia in casa che per l’auto, comunque per un auto oltre l’acquisto che è quello piu incentivate in quanto a le auto costano meno che in europa, come costi abbiamo l’assicurazione da 250 a 350 euro anno, i pedaggi obbligatori altri € 1500 anno, con cambio gomme o olio o batteria o guasti in genere bisogna mettere in budget circa altri 2500/3500 anno da fortunati.

Riepilogando, si spende in media una sola persona senza strafare circa €45/50.000 anno, da qui fate un calcolo di quanto bisogna guadagnare al mese.

Da questa analisi è importante capire che se si vuole vivere come dipendente a Dubai bisogna avere un curriculum e delle certificazioni che possano permettere l’assunzione per delle cariche bene pagate altrimenti non è la vità che noi europei siamo abituati a fare.

Per chi invece va a Dubai come imprenditore, quindi apre qui un branch o una nuova azienda, il rischio di impresa è molto alto ma la possibilità di fare dei buoni guadagni è reale. Dubai è stata ed è interessante per chi vuol fare un azienda di trading, quindi per far girare il denaro da investimenti o business in altri Paesi, operando qui in una freezone dove in questo caso le regole e le responsabilità sono molto contenute. Oppure aprire un LLC qui che sarebbe una società locale a tutti gli effetti che può operare sul territorio, ma dove il tuo partner deve essere un socio locale al 51%, cioè un Emirato. In questo caso il tuo socio PASSIVO può chiederti SOLO una tariffa annua per essere tuo socio e permetterti di aprire e lavorare sul territorio, oppure oltre alla tariffa annua può chiederti un percentual sul business. Solitamente la tariffa che è a discrezione del socio definito sponsor è in relazione alla tipologia di business ed a quello che si genera. Es. ….. .

Lo sponsor è necessario per poter assumere dipendenti che necessitano di visto, dove in questo caso, lo si fa sempre tramite lo sponsor con costi addizionali.

Il sistema fiscale Emirato è molto semplice ma richiede Il sistema fiscale Emirato è molto semplice ma richiede precisione e puntualità per non andare incontro a rischi di blocco o chiusura immediata della attività con conseguenze anche penali che impedirebbero l’uscita dal paese.

Perché “FAKE”?

Un fake per chi ha origini e formazione in un Paese come il nostro, in quanto Dubai da solo il brivido e l’emozione del momento, dopo inizia a erodere i nostri valori, le nostre credenze, il nostro rispetto per le cose e per gli altri. A Dubai tutto è materialismo all’ennesima potenza, tutto è apparenza e andarci serve solo per dare senza ricevere contribuendo inconsciamente alla continua maniacalità di generare fumo dal niente attirando tutti noi dannati verso qualcosa che ti usa e ti getta.

Se pur sono un accanito sostenitore della formazione all’estero, è pure vero che questa deve essere fatta in primis in posti generosi e con una storicità tale da non far dimenticare chi siamo rimovendo le nostre origini. Dubai è l’inferno mascherato da paradiso. Presentarsi a Dubai come gladiatori è l’unico modo per non perdere se stessi e portare via qualcosa. precisione e puntualità per non andare incontro a rischi di blocco o chiusura immediata della attività con conseguenze anche penali che impedirebbero l’uscita dal paese.

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

MARIO FIGLIOLI
info@mariofiglioli.it
+ 39 348 5507962

Contrada Terrenove, 461
91025 – Marsala – (TP)
ITALIA

[instagram-feed]